Connect with us

ITALIAN

Intervista a Sua Eccellenza l’Ambasciatore Diego Brasioli: Il Nuovo Guverno guardera con grande interesse verso la Romania

Published

on

2013-05-22XA circa quattro mesi dall’inizio del Suo mandato come capo missione a Bucarest e a qualche giorno dalla ricorrenza della Festa della Repubblica, Sua Eccellenza l’Ambasciatore d’Italia in Romania Diego Brasioli ha gentilmente rilasciato un’intervista esclusiva a caleaeuropeana.ro.

L’Ambasciatore Brasioli continua una carriera diplomatica iniziata nel 1986, che ha visto impegni in contesti molto diversi, partendo dalle missioni in Pakistan e Medio Oriente, per continuare con Los Angeles, dove fu Console Generale e con il successivo rientro a Roma per occupare ruoli importanti nelle strutture della Farnesina. Sua Eccellenza ci ha parlato delle molto buone relazioni esistenti tra Romania e Italia, ma anche di piani futuri e cooperazione.

Da diplomatico che ha prestato servizio nel Medio Oriente, per poi arrivare a Los Angeles e rientrare in Italia, come ha reagito alla nomina come Ambasciatore in Romania?

Nel sistema italiano, la carriera diplomatica si caratterizza per la possibilità di effettuare delle esperienze all’estero in contesti, a volte, molto diversi tra loro.

Effettivamente nella prima parte della mia carriera, mi sono occupato, prevalentemente, di questioni politiche nell’area asiatica e medio-orientale. Poi, sono andato a Los Angeles dov’ero responsabile di un ampio ufficio consolare che svolgeva un’attività molto articolata che copriva, soprattutto, la panoramica commerciale, ma anche quella culturale.

Riguardo la nomina in Romania, la mia reazione è stata estremamente positiva e di gioia. Era arrivato il momento di cercare di ottenere una nomina ed una sede come Ambasciatore. Essendo la Romania un Paese molto importante per l’Italia e viceversa e vista la complessità e la ricchezza di queste relazioni, ho espressamente manifestato il desiderio al ministero di poter essere destinato in Romania.

Abbiamo una storia antica e recente che ci ha spesso avvicinati, per non parlare delle origini linguistiche. Esistono difficoltà d’integrazione per la comunità sia di privati, sia per quella imprenditoriale presente in Romania?

Sono in Romania da quasi quattro mesi ed ho incontrato molti italiani attivi sia nelle attività imprenditoriali, che in attività culturali o sociali. L’elemento comune, che caratterizza tutti quelli che svolgono queste esperienze, è la facilità d’inserimento in questo Paese. Abbiamo una storia antica e recente che ci accomuna. Ci sono delle notevoli similitudini di carattere, di modo di pensare e la stessa lingua che ci facilita la comunicazione. Riusciamo dopo poco tempo a comprenderci parlando le nostre rispettive lingue. Gli italiani si inseriscono in Romania in modo rapido e facile. Ci sono aspetti promettenti ed interessanti che rendono la Romania ancora molto appetibile per gli imprenditori italiani. Naturalmente, esistono anche difficoltà, ma queste sono legate alla difficoltà affrontate da un imprenditore che si reca per motivi di lavoro in un Paese diverso dal proprio. Nonostante tutto, queste difficoltà sono sempre più mitigate dalla comune appartenenza al sistema europeo che rende normale la possibilità di lavorare in Romania secondo gli standard comuni dell’Unione Europea. In generale e sotto questo punto di vista, la situazione è positiva.

La comunità romena è la più numerosa tra le comunità presenti in Italia. Abbiamo attraversato varie tappe caratterizzate anche da problemi di criminalità, forse spesso enfatizzati dai media. Secondo Lei, cosa dovrebbero fare le autorità romene per supportare la comunità romena, ma anche per collaborare e portare un contributo attivo alle autorità italiane?

Ciò che le autorità romene stanno facendo in Italia insieme all’Ambasciata di Romania a Roma è già soddisfacente. Effettivamente, soprattutto in passato, ci sono stati dei problemi di incomprensione e dei problemi di criminalità. Questo fenomeno può capitare in una prima fase d’integrazione. La comunità romena è molto ben integrata in Italia. Il numero elevato di cittadini romeni presenti in nel nostro Paese, fa sì che il contatto tra italiani e romeni sia quotidiano nell’ambito del lavoro, ma anche nella vita di tutti i giorni. Questo ha favorito, nel tempo, una normalizzazione nei rapporti. La collaborazione è molto buona anche in materia politica e di polizia tra Italia e Romania. La stampa ha un ruolo molto importante sotto questo punto di vista, ma è interessata anche a episodi positivi. In queste situazioni le autorità possono svolgere un ruolo considerevole attraverso le attività di contatto con i giornalisti, organizzate dall’Ambasciata di Romania e dalle diverse sedi dell’Istituto Romeno di Cultura.

Recentemente mi sono recato a Targu Jiu per prendere in custodia un prezioso arredo sacro, trafugato anni fa da una chiesa del sud Italia e ritrovato dalle autorità romene. Attraverso la collaborazione internazionale delle nostre forze di polizia si è riusciti a risalire all’arrivo di questo oggetto in Romania e al recupero dello stesso. Questo è stato un importante episodio che dimostra la buona cooperazione, anche in un settore particolare come quello del traffico di opere d’arte. L’Ambasciata d’Italia e le autorità romene hanno voluto coinvolgere gli organi d’ informazione per promuovere l’esito positivo di questa operazione.

C’è il rischio che, ad un certo punto, il fenomeno dell’immigrazione raggiunga un livello di saturazione e il Paese applichi un modello simile a quello francese, nel senso di rimpatriare comunità di immigrati irregolari?

E’ evidente che, in una situazione di crisi finanziaria, le persone presenti in un certo Paese si trovino a dover in qualche modo soffrire. L’Italia è uno dei Paesi più colpiti dalla crisi degli ultimi anni. Se c’è un elevato tasso di disoccupazione, questo si ripercuote sulle difficoltà che i lavoratori stranieri incontrano nel Paese. Finora non abbiamo dati che dimostrino che ci sia una tendenza di allontanamento da parte di cittadini romeni dall’Italia. Il motivo è dovuto probabilmente alla capacità che i lavoratori romeni hanno avuto di inserirsi in settori non completamente colpiti dalla crisi o in settori lavorativi molto utili. Per quanto riguarda la possibilità da parte del nostro governo di espulsioni di cittadini irregolari, noi non siamo a conoscenza di iniziative di questo tipo e il modello ricordato è piuttosto distante dall’atteggiamento delle autorità italiane. Tenderei ad escludere con decisione un’evoluzione in questo senso.

Il nuovo Governo ha manifestato interesse per la Romania e per nuovi progetti ed iniziative?

Dal punto di vista degli scambi commerciali e delle relazioni politiche, la Romania è un Paese prioritario per l’Italia nel contesto europeo. Il nuovo governo presterà grande attenzione alla Romania. Auspichiamo che vi possano essere nel prossimo futuro degli scambi di visite sia a livello di autorità governative, che di autorità locali ed imprenditori. Il ruolo dell’Ambasciata è quello di assistere per quanto possibile quest’azione. Posso confermare che c’è grande interesse per la Romania e sicuramente avremo grandi scambi come abbiamo avuto in passato.

L’adesione della Romania a Schengen è stata rimandata forse al prossimo o forse ai prossimi anni. Qual è la posizione dell’Italia riguardo la nostra adesione a Schengen e che vantaggi potrebbe portare ad entrambi i Paesi?

La posizione dell’Italia è molto chiara e l’ho fatta da subito presente al Presidente Basescu al Ministro degli Esteri Corlatean. Secondo noi, il dossier Schengen ha visto un’evoluzione positiva negli ultimi anni e da tempo abbiamo espresso l’opinione che la Romania soddisfa interamente tutti i criteri per l’adesioni allo spazio Schengen. Dal punto di vista concreto, per quanto riguarda l’Italia, l’adesione a Schengen non comporterà un aumento di flusso perchè la presenza è già forte.

Quali dovrebbero essere le priorità per le autorità romene per facilitare l’attività imprenditoriale italiana nel nostro Paese?

I nostri imprenditori lavorano volentieri e con profitto. Si richiede un quadro legislativo stabile in equilibrio con i parametri dell’Unione Europea. Gli imprenditori insistono sulla necessità di intraprendere grandi opere nel settore infrastrutturale, in particolare, nei trasporti. Molte imprese italiane che producono in Romania non solo per il mercato romeno o italiano, ma anche per quello internazionale. Recentemente è stata inaugurata a Slatina una nuova linea di produzione di un’importante azienda italiana specializzata in cavi in fibra ottica. Il 95% della produzione di questa azienda è rivolto al mercato al mercato internazionale, tra cui Stati Uniti. Gli imprenditori italiani hanno fatto presente al primo ministro, presente all’inaugurazione, la necessità di avere un rete stradale che garantisca il trasporto delle merci. Vediamo con piacere che l’esecutivo romeno si sta muovendo per il completamento di grandi opere infrastrutturali e per lo snellimento della burocrazia.

Se dovesse prendere in esame i due Paesi, che qualità o esempio positivo impresterebbe alla Romania dell’Italia e viceversa?

Potrebbe essere d’interesse per i romeni la capacità che ha avuto l’Italia di esportare l’idea di gusto, l’idea di bello facendone un marchio, a cui viene associato il nome dell’Italia. La Romania è un Paese ricco  di tradizioni e di bellezze naturali e il turismo è un settore che si può sviluppare enormemente. Una qualità romena che mi piacerebbe vedere in Italia è l’interesse dei giovani romeni per la cultura. I giovani romeni sono molto fieri della propria cultura e la conoscono bene.

Siamo prossimi alla Festa della Repubblica del 2 giugno, ci parli del Festival Italiano.

Il Festival Italiano è iniziativa nata cinque anni fa e si sviluppa tra fine maggio e inizi di giugno, intorno alla data della Festa della Repubblica. E’ un progetto molto interessante, diretto alla promozione del nostro Paese contemporaneo e vuole presentare al pubblico romeno la cultura, l’arte, la letteratura, la gastronomia, il design, la scienza italiana. L’Ambasciata patrocina grandi artisti italiani e romeni come Andrea Bocelli e Alexandru Tomescu. L’idea è di offrire una vetrina del prodotto italiano anche attraverso il sito web www.festivalitalian.ro.

Per concludere, Vi siete proposti di realizzare un progetto in particolare o avete ambizioni da realizzare durante il mandato?

Il più importante è legato alla Presidenza Italiana dell’Unione Europea nel secondo semestre del 2014. Un momento cruciale anche per la Romania e per la sua collocazione nell’ambito europeo. Stiamo già cominciando a lavorare per arricchire questo semestre in Romania di progetti ed iniziative che contribuiscano a rafforzare il legame dei nostri due Paesi. Se guardiamo l’Unione Europea ci rendiamo conto che ci sono Paesi che rappresentano dei ponti: uno è l’Italia che è un ponte verso l’Europa settentrionale e verso il Mediterraneo e l’altro Paese è la Romania che ha la più lunga frontiera nei confronti di Stati non UE. Sarebbe interessante se, durante la Presidenza Italiana dell’Unione, si possa valorizzare questo legame tra i due Paesi-ponte.

Ascolta l`intervista: Intervista Brasioli

 

Alexandru Padure

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ITALIAN

Il futuro dell’agricoltura in Romania: grande interesse degli imprenditori italiani per il settore

Published

on

By

4 decembrieSono stati oltre 200 i partecipanti al convegno organizzato il 4 dicembre dalla Camera di Commercio Italiana per la Romania “Il futuro dell’agricoltura in Romania fra strumenti comunitari e finanziari. Focus sugli investimenti necessari”, presso la sala Le Diplomate, Athenee Palace Hilton Bucharest.

Ad aprire il convegno, Dante Stein, Consigliere speciale del Primo Ministro del Governo Romeno, ha illustrato l’importanza della “Coalitia pentru Dezvoltarea Romaniei” per il coordinamento tra il settore privato ed il governo affinché le due parti dialoghino tra loro. Stein ha inoltre evidenziato l’apporto concreto e propositivo della CCIpR nella task force agricoltura della Coalitia anche attraverso la costituzione del gruppo di lavoro dedicato alle banche.
SE Diego Brasioli, Ambasciatore d’Italia a Bucarest, ha affermato come l’agricoltura sia un settore centrale per la crescita della Romania. L’Italia, grazie ad aziende attive nel settore dei cereali, allevamento, latticini e vinicolo, contribuisce in maniera importante alla promozione della filiera agricola romena, ma c’è ancora spazio per investimenti nel sistema dell’irrigazione e nell’industria della conservazione.

Il presidente della CCIpR, Roberto Scagnoli, ha sottolineato l’impegno della CCIpR come portavoce delle aziende italiane in Romania grazie al ruolo all’interno della Coalitia, mentre il Segretario Generale CCIpR, Adrian Dimache, ha ribadito l’importanza del know-how ed dell’esperienza degli investitori italiani nel settore agricolo romeno.
Daniel Constantin, Ministro dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale Romeno, ha espresso la necessità di orientarsi verso lo sviluppo del settore produttivo rispetto a quello della trasformazione, e di indirizzare quindi gli investimenti in questo senso. Il ruolo dello Stato, ha continuato Constantin, non può essere solo di sovvenzione alle aziende agricole, ed è per questo motivo che si è proposta la costituzione dei Fondi Mutuali a cui sarebbe auspicabile che gli agricoltori aderissero al fine di usufruire di importanti benefici in caso di eventi imprevisti non coperti dalle assicurazioni (quali calamità naturali e malattie). Constantin ha concluso il suo intervento sottolineando che nonostante la crescita della produttività media in Romania, questa sia ancora insufficiente a causa di un sistema obsoleto e che necessita di essere modernizzato grazie a ulteriori investimenti che valutino anche l’impatto ambientale.
Raluca Daminescu, APIA (Agenzia romena per i pagamenti nell’agricoltura) ha ricordato che per il nuovo programma di sovvenzioni 2014 – 2020 sono stati destinati fondi maggiori rispetto agli anni precedenti, pari a 10 miliardi di Euro, sottolineando come particolare attenzione sarà posta sulle facilitazioni ai giovani agricoltori.
Piero Francisci, Iragri, ha evidenziato come l’agricoltura romena soffre in particolare di un mancato sviluppo dell’industria nel Paese, necessitando di una maggiore meccanizzazione del settore così da assicurare l’accesso degli investimenti nelle zone rurali della Romania. Piuttosto che un settore di sussistenza, ha auspicato la creazione di un’industria agroalimentare attraverso un apparato legislativo e fiscale più snello per gli investitori.
Gli avvocati Ines Popa e Andreea Cojocaru, Tonucci & Partners, hanno chiarito il tema della concessione dei terreni e le eventuali problematiche riscontrate dagli investitori del settore.

Ileana Bratu, FGCR (Fondo di Garanzia del Credito Rurale), ha spiegato le modalità di funzionamento del Fond de Garantare al quale possono aver accesso gli agricoltori, sia come persone fisiche che come società commerciali. Il Fondo permette la copertura dell’80% delle garanzie afferenti al credito.

Andrei Svoronos, UniCredit Tiriac Bank, e Giuseppe Ruggieri, UniCredit Leasing, hanno mostrato l’evoluzione e la crescita della concessione dei crediti agli investitori nel settore, mentre Mirco Maschio ha presentato la storia di successo di Maschio Gaspardo Romania, azienda leader nel Paese nella produzione di macchinari agricoli ed in continua espansione.
Roxana Popel, PwC Romania, ha sintetizzato gli aspetti fiscali rilevanti per l’agribusiness, seguita da Vittorio Crivello, Bios, che ha illustrato la crescente espansione dell’agricoltura biologica in Romania.
A seguire nel pomeriggio ha avuto luogo il workshop durante il quale Simona Chirica, Studio Legale Schoenherr, Bianca Vlad, PwC Romania Marius Radu, UniCredit Group hanno approfondito le tematiche del settore di carattere legale, fiscale e finanziario attraverso un dialogo con i partecipanti.

La Camera di Commecio Italiana per la Romania intende perseguire il suo scopo di centro di informazione per i settori chiave per gli investitori italiani in Romania e organizzerà nel 2014 eventi dedicati non solo al settore agricoltura, ma anche ambiente, industria ed energia.
Per maggiori informazioni : www.cameradicommercio.ro

Ufficio Comunicazione della Camera di Commercio Italiana per la Romania
Dati di contatto:
email: comunicazione@cameradicommercio.ro, Tel: 0741049731

4 decembrie2 4 decembrie3 4 decembrie4 4 decembrie5

Continue Reading

ITALIAN

Il futuro dell’agricoltura in Romania al centro del convegno della Camera di Commercio Italiana per la Romania

Published

on

By

Zemanta Related Posts ThumbnailLa Camera di Commercio Italiana per la Romania organizza mercoledì 4 dicembre il convegno “Il futuro dell’agricoltura in Romania fra strumenti comunitari e finanziari. Focus sugli investimenti necessari” presso la sala Le Diplomate, Athenee Palace Hilton Bucharest.

L’evento, anticipato da un convegno in Italia a Padova lo scorso 9 ottobre, vuole portare l’attenzione degli investitori italiani sulle potenzialità dell’agricoltura in Romania.

Introdurranno il convegno: Dante Stein, Consigliere speciale del Primo Ministro del Governo Romeno, SE Diego Brasioli, Ambasciatore d’Italia a Bucarest, e Daniel Constantin, Ministro dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale Romeno.

Durante il convegno interverranno operatori del settore ed aziende che coltivano o vendono inputs, dai macchinari ai semi, in Romania. Si analizzeranno inoltre gli aspetti fiscali, finanziari, giuridici e legislativi, soprattutto con riferimento all’accatastamento dei terreni ed alle principali iniziative legislative che interessano il settore agricolo romeno.
Tra i relatori: Raluca Daminescu, APIA (Agenzia romena per i pagamenti nell’agricoltura); Piero Francisci, Iragri; Avv. Ines Popa, Avv. Cecilia Badea, Tonucci & Partners; Ileana Bratu, FGCR (Fondo di Garanzia del Credito Rurale); Andrei Svoronos, UniCredit Tiriac Bank; Mirco Maschio, Maschio Gaspardo; Mihaela Mitroi, PwC Romania; Giuseppe Ruggieri, UniCredit Leasing; Paolo Tosi, Eurodezvoltare; Vittorio Crivello, Bios. I moderatori saranno Adrian Dimache, Segretario Generale CCIpR e avv. Pasquale Silvestro, Tonucci & Partners.

Seguirà nel pomeriggio un workshop durante il quale specialisti dello Studio Legale Schoenherr (Avv.ti Daniele Iacona e Simona Chirica), PwC Romania (Daniel Anghel, Partener, Consulenza fiscale) e UniCredit Group (Marius Radu, Eu Fund Financing) approfondiranno le tematiche del settore attraverso un dialogo con i partecipanti.
L’evento sarà rivolto anche alle aziende agricole già presenti in Romania, considerando che gli italiani risultano tra i più grandi proprietari terrieri stranieri nel Paese con oltre 300.000 ettari posseduti.

Per maggiori informazioni : link dell’evento

Ufficio Comunicazione della Camera di Commercio Italiana per la Romania
Dati di contatto:
email: comunicazione@cameradicommercio.ro, Tel: 0741049731

Continue Reading

ITALIAN

FRA – Lotta contro l’antisemitismo: occorrono misure più mirate

Published

on

La FRA presenta oggi le prime cifre comparabili sulle esperienze di molestie, discriminazione e crimini generati dall’odio di natura antisemita nell’UE subiti dagli ebrei. L’8 novembre, vigilia dell’anniversario dei pogrom contro gli ebrei avvenuti 75 anni fa, è necessario riconoscere che, nonostante gli Stati membri abbiano compiuto sforzi considerevoli per combattere l’antisemitismo, il fenomeno è ancora molto diffuso. La presente relazione, che copre le risposte di 5847 ebrei negli otto paesi nei quali vive circa il 90% della popolazione ebraica stimata nell’UE, sarà quindi uno strumento fondamentale per i decisori dell’UE e le comunità al fine di mettere a punto misure giuridiche e politiche mirate.
morten kjaerum FRA“L’antisemitismo è un esempio inquietante di come il pregiudizio possa persistere nei secoli, sebbene non sia ammissibile nella nostra società odierna. È particolarmente angosciante osservare come Internet, che dovrebbe essere uno strumento di comunicazione e di dialogo, diventi uno strumento di molestie antisemita” ha dichiarato il direttore della FRA Morten Kjaerum. “Nonostante numerosi governi dell’UE abbiano compiuto sforzi considerevoli per contrastare l’antisemitismo, sono necessarie misure più mirate”
Principali risultati:
  • Il 66% degli intervistati ritiene che l’antisemitismo sia un problema grave nei paesi in cui vive, mentre il 76% ha dichiarato che lasituazione si è aggravata negli ultimi cinque anni.
  • Il 21% di tutti gli intervistati ha subito uno o più episodi di antisemitismo caratterizzati da insulti verbali, molestie o aggressioni fisiche nei 12 mesi precedenti l’indagine. Il 2% degli intervistati è stato vittima di un’aggressione fisica di natura antisemita nell’anno precedente.
  • Scarsa segnalazione: il 76% delle vittime di molestie di natura antisemita non ha denunciato l’episodio più grave alla polizia o ad altra organizzazione.
  • Registrazione insufficiente: la carenza dei meccanismi di raccolta dei dati in numerosi Stati membri dell’UE fa sì che la registrazione delle aggressioni antisemite rimanga insufficiente.
  • L’antisemitismo è considerato la quarta questione più urgente in ambito sociale o politico nei paesi oggetto dell’indagine (cfr. la tabella 1 nella relazione).
  • Tre quarti degli intervistati ritengono che l’antisemitismo online costituisca un problema (cfr. la tabella sottostante).
Valutazione delle manifestazioni di antisemitismo per paese (% degli intervistati che hanno dichiarato che una determinata forma di antisemitismo è “un grande problema” o “un problema abbastanza grande” nel paese)
tabel fra 2
L’indagine ha anche rivelato differenze significative fra i paesi, il che spesso rispecchia le loro diverse storie e tradizioni nonché i diversi modelli di immigrazione negli ultimi decenni. Ad esempio:
  • Nel Regno Unito, il 9% degli intervistati ha dichiarato di sentire ripetere spesso che “gli ebrei sono responsabili dell’attuale crisi economica”, mentre questa cifra raggiunge il 59% in Ungheria.
  • L’indagine ha rivelato che mentre in Lettonia solo l’8% degli intervistati ha dichiarato che il conflitto arabo-israeliano ha avuto un forte impatto sulla loro percezione di sicurezza, la cifra sale al 28% in Germania ed è pari al 73% in Francia.
In risposta ai risultati dell’indagine, la FRA ha formulato una serie di proposte per i responsabili delle decisioni, fra cui:
  • Gli Stati membri dell’UE devono registrare in modo efficace e completo le esperienze di violazioni dei diritti fondamentali subite dagli ebrei.
  • Le personalità pubbliche dovrebbero condannare pubblicamente le dichiarazioni antisemite.
  • L’UE e i suoi Stati membri devono intervenire urgentemente per individuare metodi efficaci di lotta contro il crescente fenomeno dell’antisemitismo online, ad esempio esaminando la possibilità di creare unità di polizia specializzate che controllino e indaghino sui crimini generati dall’odio perpetrati su Internet, nonché incoraggiando la segnalazione alla polizia di contenuti web antisemiti.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Trending